Come trattare la dermatite durante la gravidanza

La dermatite in gravidanza è uno dei problemi comuni che i medici devono affrontare. Poiché la malattia della pelle è associata alla risposta dell'organismo allo stimolo che vi è entrato, durante il periodo della gravidanza è pericoloso sia per la salute della futura mamma che per lo sviluppo del feto.

Mentre il bambino è nell'utero femminile, non soffre delle sue stesse allergie. Protezione dalle sostanze sensibilizzanti fornisce la placenta. Ma se alle madri vengono prescritti farmaci per la dermatosi, la circolazione uteroplacentare del suo grembo può essere ridotta. La vita del feto dipende da questa circolazione.

Dermatite nelle donne in gravidanza: cause e manifestazioni cliniche

Il fattore principale che provoca lo sviluppo della dermatosi nelle future mamme è un cambiamento nei livelli ormonali.

Al secondo posto c'è un sistema immunitario indebolito, perché in ogni fase della gravidanza il corpo lavora per due e spende energia. In momenti diversi, le donne possono sviluppare sensibilità verso determinati alimenti e fattori esterni, e quindi l'allergia si manifesta anche se tali problemi non si verificano prima del concepimento.

Altre cause di dermatite durante la gravidanza sono:

  • toxemia;
  • malattie del tratto gastrointestinale;
  • l'effetto degli allergeni;
  • scarsa ereditarietà;
  • trattamento con unguenti steroidei;
  • disagio emotivo;
  • cosmetici;
  • malattie infettive di diversa eziologia;
  • frequente soggiorno in alta umidità.

Nell'atopia, le reazioni cutanee si sviluppano in risposta all'introduzione nel corpo di sostanze di origine diversa. Se una persona è geneticamente predisposta a questa anomalia, produrrà immunoglobuline del gruppo E. Il loro eccesso è una condizione fertile per l'espressione delle reazioni allergiche.

Esistono molti tipi di patologie cutanee, ma la dermatite atopica si verifica più spesso durante la gravidanza. Ci sono molte varianti nella sua manifestazione e i medici le hanno divise in diverse fasi:

Tutte le forme cliniche di dermatite nelle donne in gravidanza sono mostrate nella foto.

Le donne con una psiche debole a causa del costante prurito possono essere molto stressate. La loro pelle è coperta da macchie rosse, incline a desquamazione e gonfiore. Anche sul corpo si possono eliminare le pustole che, dopo la guarigione, lasciano cicatrici.

Video: dermatite durante la gravidanza.

Come trattare la dermatosi durante la gravidanza

Per quanto riguarda l'irritazione del corpo e il forte prurito, una donna dovrebbe assolutamente dire al ginecologo che la sta osservando. Insieme a un dermatologo, uno specialista scoprirà la storia della donna incinta e selezionerà un corso di terapia razionale. La sua essenza consiste nei seguenti eventi:

Come trattare la dermatite acuta corrente durante la gravidanza? Secondo la testimonianza, il medico può prescrivere Suprastin o Chlorpyramidine. Nel 2 ° e 3 ° trimestre, la terapia consiste nei corsi di Allertec / Cetirizina. Tavegil e Clemastin sono prescritti solo in caso di pericolo di allergia alla salute della donna, quando non esiste un'alternativa degna di questi farmaci.

La lubrificazione delle aree problematiche con soluzioni e unguenti riduce il prurito ed elimina il disagio generale. I preparati topici sono disinfettati e pelle secca.

Il trattamento della dermatosi con i bloccanti istaminici può essere basato su cicli di Claritin o Loratadina. Sono prescritti in casi eccezionali, ad esempio, quando la condizione di una madre malata porta più minacce al feto rispetto all'assunzione di pillole. Guidati da tali considerazioni, le future mamme sono anche dimesse Fexadine o Fexofenadine. La fattibilità di questo trattamento è considerata individualmente.

Il trattamento tradizionale della dermatite durante la gravidanza è consentito dopo aver consultato un medico. I mezzi sicuri per applicare lozioni e compresse sono:

  • foglia di cavolo;
  • succo di patate;
  • estratto di rosa canina;
  • Succo di Kalanchoe;
  • decotto di corteccia di quercia;
  • linfa di betulla diluita.

Prevenzione della dermatite nelle donne in gravidanza

Prevenire la dermatite allergica durante la gravidanza, una donna può, se aderirà ad alcune raccomandazioni sulla nutrizione.

Dalla dieta dovrebbero essere esclusi i frutti di mare, le carni grasse e i latticini, le salse, le carni affumicate, i dolci, le uova, la soda. Il menù del giorno dovrebbe essere basato sul porridge di cereali, kefir, manzo, carne di coniglio, carne di tacchino. I piatti possono condire con cipolle, aneto, prezzemolo. Le bevande saranno utili bevande a base di mirtilli rossi, mirtilli e ribes, tè nero e verde.

Le misure preventive obbligatorie volte a migliorare la salute della donna incinta includono:

  • l'esclusione di contatti con tutti i potenziali allergeni;
  • uso di cosmetici ipoallergenici di alta qualità;
  • indossare abiti larghi realizzati con tessuti naturali;
  • pulizia giornaliera delle stanze con arieggiamento e lavaggio del pavimento.

Poiché durante la gravidanza è vietato l'uso della maggior parte dei farmaci, è importante concentrare tutti gli sforzi sull'individuazione del fattore provocante e sulla sua esclusione dalla vita quotidiana. Seguendo le raccomandazioni dei medici, la futura mamma può liberarsi rapidamente della dermatite.

Tipi di dermatite in donne in gravidanza, trattamento, prevenzione

Il corpo di una donna incinta diventa vulnerabile a varie infezioni. Spesso in questo momento ha esacerbato malattie croniche o ne ha sviluppato di nuove. Durante la gravidanza, la dermatite si verifica spesso subito dopo il concepimento e accompagna una donna durante tutto il periodo del trasporto di un bambino e, dopo il parto, passa da sola.

Cause e segni

Durante la gravidanza, il sistema immunitario della donna viene ricostruito, i cambiamenti influenzano l'immunità umorale e cellulare. Aumento della produzione di cortisolo, estrogeni, progesterone porta a immunosoppressione fisiologica. A causa della riduzione della protezione antimicrobica, la flora condizionatamente patogena presente sulla pelle inizia ad attivarsi.

Dermatite atopica

Nel 20% dei casi, la malattia si sviluppa in donne in gravidanza che soffrono di qualsiasi tipo di atopia. Nell'80% dei pazienti, i primi segni sono comparsi durante la gravidanza, ma hanno anche una predisposizione ereditaria a questa malattia (i parenti stretti possono avere una storia di asma, pollinosi).

L'atopia è una risposta inadeguata del sistema immunitario agli stimoli esterni ed interni. Se l'immunità si riduce, anche gli antigeni deboli possono causare una forte reazione allergica con manifestazioni cutanee.

L'aumento della permeabilità dell'epidermide porta alla penetrazione di allergeni che causano gravi disagi.

  • forte prurito, specialmente di notte;
  • secchezza e desquamazione dello strato superiore della pelle;
  • iperemia e gonfiore della pelle;
  • la presenza di graffi porta a un'infezione batterica secondaria e alla formazione di ulcere ed erosione.

Le posizioni dei cambiamenti della pelle sono fronte, tempie, collo, gomiti, cavità poplitee, grandi pieghe.

La malattia nel suo sviluppo passa attraverso tre fasi:

  1. Nella prima fase, la condizione generale soffre leggermente. Il prurito è moderato, eruzioni cutanee - singoli, sotto forma di macchie rosse. Pelle senza desquamazione, normale umidità. Una donna non mostra ansia per i sintomi non invadenti.
  2. Per il secondo stadio è caratterizzata dalla diffusione di eruzioni cutanee su stomaco, busto, arti. La pelle è secca con segni di desquamazione. Il prurito aumenta e diventa doloroso. La condizione generale peggiora: irritabilità, sonno debole, escoriazione (graffi) appare sulla pelle. Le forme di iperpigmentazione periorbitaria intorno agli occhi.
  3. Il passaggio alla terza fase avviene spesso nelle donne che prima della gravidanza soffrivano di dermatite atopica o neurodermite. Grandi superfici della pelle sono ricoperte da vari elementi dell'eruzione: papule, protuberanze, pustole, erosioni. Sullo sfondo di intenso prurito, disturbi nervosi, insonnia, si verificano stress.

Nella seconda e nella terza fase, la donna incinta viene ricoverata per il trattamento e il monitoraggio del feto 24 ore su 24.

Dermatite da contatto

Uno dei tipi di lesioni allergiche, quando il fattore scatenante del processo infiammatorio sono sostanze che sono a diretto contatto con la pelle. La differenza tra dermatite da contatto e dermatite allergica è che nel secondo caso, l'eruzione si verifica in qualsiasi parte del corpo e nel primo - solo nella zona di contatto della pelle con l'allergene. Gli elementi in serie sono polimorfici, da punti rossi a vesciche. Come appare una eruzione cutanea nella foto.

Per provocare una sconfitta puoi:

  • cosmetici;
  • tessuti sintetici;
  • detergenti e detersivi;
  • gioielli in metallo e plastica;
  • vernici, vernici.

Dermatite periorale

La malattia è caratterizzata da eruzioni cutanee sotto forma di brufoli, vesciche, punti rossi situati intorno alla bocca. In caso di decorso grave ed esacerbazioni, il processo patologico può spostarsi nell'area vicino agli occhi, vicino al naso e sulle guance. I segmenti della pelle colpiti sono ruvidi al tatto a causa del gran numero di elementi infiammati, singoli o fusi in ampie aree. C'è una sensazione di bruciore e prurito. Quando si graffiano e si fanno male le bolle al loro posto, si forma una pigmentazione persistente.

Fattori che provocano lo sviluppo della dermatite periorale:

  • dentifrici al fluoro;
  • cosmetici;
  • malattie dell'apparato digerente;
  • uso irrazionale di unguenti ormonali;
  • l'impatto negativo dei fattori naturali (vento, gelo, calore, alta umidità);
  • danno alla flora fungina dei follicoli piliferi.

Dermatite seborroica

I sintomi della seborrea si manifestano in aree di accumulo di ghiandole sebacee, che producono sebo. I primi segni sono la comparsa di prurito macchie rosse sulla pelle del cuoio capelluto, collo, schiena. Sul viso, cambiamenti patologici sotto forma di focolai di infiammazione coperti di squame sono localizzati all'attaccatura dei capelli, dietro le orecchie. Più tardi, la trasformazione di punti in placche con bordi chiari. La superficie degli elementi liberi è coperta da uno strato di squame untuose. Nella zona delle placche seborroiche, i capelli appaiono opachi, fragili, inclini alla perdita.

  • forte prurito;
  • sensibilità della pelle;
  • siti di iperemia;
  • placche con squame grasse, con focolai pelati.

La conclusione sulla natura della malattia è un medico dopo l'esame. Per confermare la diagnosi e assegnare il trattamento corretto, vengono condotti studi - raschiatura o biopsia della pelle per la presenza di funghi patogeni.

terapia

Il trattamento della dermatite nelle donne in gravidanza è un compito difficile, poiché l'uso di droghe è severamente limitato a causa dei possibili effetti tossici sul feto.

Gli allergeni non penetrano attraverso la barriera placentare al feto, ma i farmaci che sono prescritti a una donna incinta possono essere dannosi.

Se compaiono segni di malattia, il corpo dovrebbe essere limitato il più possibile dall'azione degli allergeni. Nella prima fase, a volte è sufficiente seguire una dieta ipoallergenica.

Come rimedio esterno, vengono prescritti gli unguenti per la dermatite:

  1. Bepantin è disponibile sotto forma di pomata e crema. Principio attivo - dexpantenolo, olio di mandorle, cera d'api. Allevia irritazione e infiammazione della pelle. Può essere usato per lungo tempo, non ci sono controindicazioni.
  2. Il Losterin è un agente non ormonale basato sulla naftalina naturale. Ha effetti analgesici, antipruriginosi e anti-infiammatori. Usato sotto forma di unguento, gel doccia e shampoo.
  3. In caso di un'eruzione cutanea di natura essudativa (vesciche, vesciche), il medico prescrive unguenti ormonali con un breve corso: Latikort, Akriderm, Advantan. Questi farmaci hanno proprietà antinfiammatorie e antiprurito pronunciate. A causa dell'azione vasocostrittrice locale, i processi di essudazione sono ridotti.

Unguenti ormonali a basso contenuto di principio attivo, prescritti durante la gravidanza, non influenzano negativamente il feto e non aumentano il rischio di malformazioni.

Farmaci interni usati:

  1. Se una reazione allergica sulla pelle è causata da allergeni alimentari, l'uso di assorbenti per tossine leganti nell'intestino è indicato: Enterosgel, Polysorb, Smekta.
  2. Per normalizzare la biocenosi intestinale, viene prescritto un gruppo di preparati probiotici: Linex, Bifiform, Laktovit-forte, Acidolac.
  3. Tratti l'emotività naturale, il sonno povero aiuterà i rimedi naturali - estratto di valeriana e di motherwort.
  4. In caso di allergia grave, gli antistaminici sono indicati per il sollievo delle manifestazioni cutanee: Loratadin, Diazolin.

Trattamento della dermatite periorale

Nel primo trimestre di gravidanza, quando vengono deposti gli organi del feto, qualsiasi pomata antibiotica è controindicata. Viene utilizzata la sospensione a base di zinco - Zindol, che ha un effetto essiccante e anti-infiammatorio.

Nel terzo trimestre - Elokom prescritto da un medico. Il trattamento principale inizia dopo la nascita.

Trattamento di seborrea

Shampoo con shampoo antifungini 3 volte a settimana: Nizoral, Sebasol, Keto Plus. Includono etoconazolo, ciclopirox.

Quando controindicazioni raccomandato shampoo antimicotico con catrame di betulla e pomata di Sulsen 2%. Per uso interno prescrivono vitamine del gruppo B.

Il trattamento sistemico con glucocorticoidi o l'uso di unguenti con il loro alto contenuto durante la gravidanza può causare insufficienza placentare e la nascita di un bambino piccolo.

prevenzione

La prevenzione della dermatite nelle donne in gravidanza, soprattutto se c'è una storia di tali malattie nei parenti, dovrebbe iniziare il più presto possibile.

  • Rispetto di una dieta ipoallergenica: eliminazione dalla dieta di prodotti con elevate proprietà allergeniche (cioccolato, cacao, caffè, miele, agrumi, pesce, caviale, pesce, granchi, noci, cibi affumicati, sottaceti, sottaceti). È necessario limitare il consumo di prodotti lattiero-caseari.
  • Per escludere il contatto con animali domestici, piante.
  • La stanza in cui vive la donna incinta dovrebbe essere liberata da libri, tappeti, cuscini e coperte.
  • Non permettere l'inalazione passiva di una donna di fumo di tabacco.
  • Durante la gravidanza, è auspicabile abbandonare i cosmetici decorativi.
  • Ridurre al minimo l'uso di sostanze chimiche aggressive per la casa, svolgere i compiti con i guanti.

La dermatite nelle donne in gravidanza con terapia adeguata, la limitazione dei contatti con possibili allergeni, un'alimentazione corretta procede senza complicazioni e non danneggia il bambino.

Dermatite atopica durante la gravidanza

La dermatite atopica è considerata una delle più comuni malattie della pelle. Secondo le statistiche, il più delle volte questa malattia colpisce le donne. Inoltre, la dermatite atopica viene trasmessa per via ereditaria da madre a figlio. Se entrambi i genitori sono atopici, il rischio di avere una tale malattia in un bambino aumenta più volte.

Durante il periodo di gravidanza nel corpo della futura madre, si verificano numerosi riarrangiamenti significativi. Sfortunatamente, a volte tali cambiamenti possono portare alla comparsa di varie patologie. Una delle conseguenze di tale è la dermatite atopica. Questa malattia allergica può "dormire" nel corpo per anni e "svegliarsi" nel momento più felice della vita di ogni donna - durante la gravidanza.

Cause della dermatite atopica

La dermatite atopica viene diagnosticata non solo nelle donne in gravidanza, questa malattia si verifica in persone di diverse età e sessi in quasi tutti i paesi del mondo. Recentemente, il numero di atopici aumenta drammaticamente.

I medici attribuiscono questa vasta distribuzione della dermatite atopica a varie cause: l'inquinamento ambientale, la qualità del cibo che usiamo e lo stress psico-emotivo. Allergeni, i catalizzatori possono essere piante da fiore, prodotti sintetici o di lana, animali domestici, profumi, cosmetici. Inoltre, le madri moderne stanno riducendo sempre più i tempi dell'allattamento e molto presto passano alle formule artificiali. Spesso la malattia è provocata dalla tossiemia durante la gravidanza e da errori nutrizionali materni. Varie infezioni virali, batteriche e fungine e lo stress possono causare una esacerbazione della malattia. La causa della dermatite atopica può anche essere una brusca caduta di temperatura, umidità dell'aria o un'esposizione insufficiente alla radiazione solare.

Come dimostrato da studi recenti, nel 90% dei casi la dermatite atopica viene diagnosticata durante i primi cinque anni di vita. Nel 60% di essi, la malattia inizia nel primo anno di vita, più spesso - immediatamente dopo la nascita del bambino. Secondo i medici, circa il 50% delle donne che soffrono di dermatite atopica, durante la gravidanza è esacerbato.

Perché, allora, la dermatite atopica non si manifesta da anni e si "sveglia" durante la gravidanza? Questo fenomeno è facilmente spiegato dal fatto che nel corpo di una donna incinta in grandi quantità produce un ormone speciale - "cortisolo". Svolge un ruolo importante nel processo di formazione del feto ed è responsabile dello sviluppo delle reazioni allergiche. Dopo che il bambino è nato, il livello di cortisolo nel sangue scende rapidamente, il bambino può facilmente rilevare qualsiasi malattia allergica, tra cui la dermatite atopica.

Se una donna ha avuto in precedenza dermatite atopica, allora dovrebbe essere preparata con particolare attenzione per la gravidanza. Dopotutto, non è noto come si comporterà la malattia in futuro e se suo figlio non erediterà. Più seriamente la futura mamma reagirà a questo problema, la precedente terapia preventiva inizierà ancora prima del concepimento, maggiori sono le possibilità che lei debba dare alla luce un bambino assolutamente sano.

Quindi, se sai della tua tendenza alla dermatite atopica, prima di tutto, consulta il tuo ginecologo e consulta un allergologo. Anche se tu o il padre del bambino non siete mai stati atopici, non vi è alcuna garanzia che il bambino non riceverà questa malattia dal parente più prossimo.

I sintomi della dermatite atopica durante la gravidanza

La dermatite atopica è solitamente abbastanza facile da riconoscere. Una donna incinta ha prurito ai gomiti, alle ginocchia, all'addome, al collo e al torace. I medici distinguono tre fasi dello sviluppo di questa malattia durante la gravidanza:

  • forma leggera. La donna incinta ha i seguenti sintomi:
  1. lieve eruzione cutanea sui gomiti, sotto le ginocchia, sul collo;
  2. gonfiore;
  3. colore della pelle bianco-rosa, umidità normale, senza desquamazione;
  4. il prurito della pelle si verifica periodicamente, spesso la sera.
  • forma media. Questa è la seconda fase della dermatite atopica, che è accompagnata dai seguenti sintomi:
  1. aumenta il prurito della pelle;
  2. l'eruzione si diffonde alla faccia, alla schiena, al torace, all'addome, alle cosce interne;
  3. l'iperpigmentazione delle palpebre è possibile: la pelle intorno agli occhi acquista una tonalità più scura.

Dermatite delle donne in gravidanza: normali cambiamenti della pelle, dermatosi specifica e disturbi cronici

Quasi tutti gli organi e i sistemi corporei delle donne in gravidanza subiscono cambiamenti significativi, che in alcuni casi portano ad una esacerbazione della dermatite cronica o alla comparsa di nuove malattie della pelle. Esistono tre principali categorie di disturbi cutanei associati alla gravidanza: condizioni benigne dovute a normali cambiamenti ormonali, disturbi cutanei preesistenti che si verificano durante la gravidanza e dermatosi specifiche. Alcune violazioni possono verificarsi simultaneamente.

Cambiamenti fisiologici durante la gravidanza

La maggior parte dei cambiamenti è dovuta a cambiamenti ormonali e / o meccanici. I cambiamenti ormonali sono caratterizzati da un aumento dei livelli di estrogeni, progesterone, beta-hCG, prolattina, così come una serie di altri ormoni e neurotrasmettitori che influiscono completamente sulle funzioni del corpo. Durante la gravidanza, si osserva un aggiustamento del metabolismo delle proteine, dei lipidi e dei carboidrati, si osservano anche fluttuazioni della pressione sanguigna, dinamica respiratoria e appetito, aumenta la gittata cardiaca e aumenta il volume di sangue circolante. Alcuni cambiamenti immunologici si verificano che consentono alle donne di proteggere in modo più efficace se stessi e il bambino.

Riorganizzazioni immunologiche, endocrinologiche, metaboliche e vascolari intensive rendono le donne incinte più sensibili ai cambiamenti fisiologici e patologici della pelle. Possono essere classificati come condizioni fisiologiche, dermatiti generali e dermatosi specifiche della gravidanza. Il fatto che molti di essi siano varianti della norma non riduce il grado di disagio del paziente.

Molte donne durante la gravidanza osservano condizioni cutanee che non sono dermatiti, ma a volte assomigliano a condizioni patologiche:

  1. Iperpigmentazione. Colpisce fino al 90% delle donne incinte, a partire dalle prime settimane, la ragione è un aumento del numero di melanociti e un aumento della sensibilità agli stimoli ormonali, che includono l'ormone stimolante i melanociti, l'estrogeno, il progesterone.
  2. Melasma o cloasma. È osservato nel 75% delle donne in gravidanza e di solito compare nel secondo trimestre di gravidanza. La condizione si verifica a causa dell'aumentata produzione di pigmento in aree limitate della pelle.
  3. Cambiamenti vascolari Le reti vascolari compaiono tra il secondo e il quinto mese di gravidanza, sono associate a livelli elevati di estrogeni.
  4. Eritema nodoso. È comune in gravidanza e si verifica nel primo trimestre. Clinicamente, la condizione si manifesta come nodi eritematosi sulle superfici estensorie degli arti inferiori. L'eritema nodoso è associato a livelli elevati di estrogeni e ad un aumento del volume del sangue.
  5. Pelle di marmo sulle gambe. È un disturbo vasomotorio associato a cambiamenti nei livelli di estrogeni. La condizione è caratterizzata dalla comparsa di macchie bluastre intermittenti sulla pelle sotto l'influenza del freddo.
  6. Striae. Appaiono nella direzione opposta delle linee di tensione della pelle, di solito nell'addome, nel petto, nelle braccia e nella schiena. Le striae sono associate allo stiramento dei tessuti e agli squilibri ormonali nella direzione dell'aumento dell'ormone adrenocorticotropo e degli estrogeni.

La gravidanza è associata alla ristrutturazione delle ghiandole endocrine. Pertanto, l'attivazione delle ghiandole sudoripare eccrine, che si trovano su tutta la superficie della pelle, porta ad un aumento della frequenza del calore pungente e dell'eczema disidrotico durante questo periodo. La secrezione delle ghiandole sudoripare apocrine (sotto le ascelle, il perineo, nel canale uditivo esterno, sulle ali del naso, le palpebre) diminuisce, riducendo la gravità e la frequenza dell'idradenite purulenta ("mammella della cagna").

Fino al 20% delle donne in gravidanza soffre di prurito. Il suo inizio, di regola, cade il terzo mese, nel futuro il prurito diventa più intenso. Più spesso, colpisce lo stomaco e, dai sintomi, assomiglia ad alcune dermatiti comuni, come la scabbia, l'atopia o la neurodermite. Il prurito nel terzo trimestre può essere causato da colestasi intraepatica in donne in gravidanza.

Dermatosi di gravidanza

Dermatosi di gravidanza sono eruzioni cutanee e infiammazioni che si verificano a causa di cambiamenti ormonali e di altra natura durante la gravidanza e scompaiono dopo il parto. La classificazione del 2006 è divisa in quattro tipi principali:

    Dermatite atopica di donne in gravidanza. I ricercatori hanno notato la prevalenza della dermatite atopica durante la gravidanza, che rappresenta fino al 50% dei casi di dermatosi in questo momento. La causa sono i cambiamenti immunologici. Questa volta è caratterizzata dall'assenza di una forte funzione immunitaria cellulare della madre, una diminuzione dell'attività delle cellule T helper 1 (Th1) e anche una diminuzione della risposta immunitaria umorale. Tutto ciò è necessario per prevenire il rigetto del feto. Lo spostamento verso l'attività di T-helper 2 contribuisce all'esacerbazione della dermatite atopica. Nell'80% dei casi di dermatite atopica verificatasi durante la gravidanza, la malattia si manifesta per la prima volta nella vita. Statisticamente a rischio sono le donne primipare con una gravidanza precoce, con più spesso l'infiammazione della pelle si verifica nel primo e nel secondo trimestre. L'eruzione cutanea interessa tutte le parti del corpo, compresi il viso, i palmi delle mani e le piante dei piedi.

Malattie atopiche delle donne incinte, molti scienziati attribuiscono prurito e prurito follicolite.

Il prurito in gravidanza è caratterizzato da prurito, comparsa di papule e noduli sulle superfici estensori delle gambe e delle braccia e lo stomaco può essere coinvolto. L'esatta eziologia e patogenesi della condizione non sono noti, sebbene in molti casi si osservi una storia di atopia. La condizione non ha effetti avversi sulla madre o sul feto.

La follicolite pruriginosa è una dermatosi rara che si verifica nel secondo e terzo trimestre e colpisce circa una delle 3000 gravidanze. Contrariamente al nome, il prurito non è la caratteristica principale della malattia, può essere confuso con l'acne o la follicolite microbica. La follicolite gravida è caratterizzata da acne, costituita da una varietà di papule follicolari pruriginose o pustole con un diametro da 2 a 4 mm, generalmente sulle spalle, sulla parte superiore della schiena, sulle braccia, sul torace e sull'addome. La dermatite di solito scompare spontaneamente un mese o due dopo il parto. Il disturbo non è associato a malattie materne o infantili, sebbene alcune evidenze suggeriscano una diminuzione del peso fetale alla nascita.

  • Dermatosi polimorfica di donne in gravidanza. È associato a gravidanze multiple e aumento di peso delle madri. Si presume che la condizione sia causata da un danno al tessuto connettivo della pelle dovuto al suo stiramento, con conseguente trasformazione delle normali proteine ​​in unità antigeniche, causando un'eruzione cutanea. La dermatosi polimorfica di solito si verifica in primipare nel terzo trimestre di gravidanza, ma può anche comparire nel periodo postpartum. La condizione è caratterizzata da un forte prurito, la cui comparsa coincide con lesioni cutanee - papule, placche, vescicole sull'addome, nonché sul petto, sulla parte superiore delle cosce e sulle mani. La dermatosi non influisce sulla salute della madre e del feto.
  • Pemphigoid incinta (herpes incinta). È una malattia autoimmune rara che colpisce una persona su 50.000 gravidanze. La malattia è causata dall'antigene placentare, che causa una reazione crociata con gli antigeni della pelle. La malattia inizia nell'ombelico, caratterizzata da prurito, comparsa di orticaria e vescicole. Circa il 5-10% dei neonati la cui madre aveva il pemfigoide aveva una eruzione cutanea o lesioni bollose alla nascita, in alcuni casi, insufficienza della placenta, parto prematuro e peso ridotto nei bambini.
  • Colestasi intraepatica di donne in gravidanza (ittero di donne in gravidanza). È caratterizzato da prurito sul palmo delle mani e suole, passando ad altre parti del corpo. I sintomi di questa dermatite nelle donne in gravidanza comprendono escoriazioni secondarie e papule sulle superfici estensori degli arti, addome e schiena. La gravità della lesione è correlata alla durata del prurito. Nel 10% dei casi si sviluppa ittero. La condizione di solito ha una storia familiare, esiste una relazione con la presenza dell'antigene leucocitario umano A31 (HLA-A31) e HLA-B8. La colestasi è associata ad un aumentato rischio di parto prematuro, contaminazione da meconio con liquido amniotico, nonché morte intrauterina dovuta ad anossia causata dalla ridotta capacità del feto di eliminare gli acidi biliari tossici.
  • Dermatite non gravida

    Il decorso delle malattie della pelle (ad esempio, dermatite atopica e da contatto, candidosi e altre infezioni fungine) può subire cambiamenti durante la gravidanza. Quindi, i sintomi della dermatite atopica appaiono spesso più luminosi di prima della gravidanza, ma c'è anche un processo inverso. Le infezioni fungine, come la dermatite seborroica e la candidosi, di solito richiedono un trattamento più lungo e un'attenta selezione dei farmaci.

    Un aspetto importante è la diagnosi differenziale della dermatite, in quanto molti di essi sono simili nei sintomi. È necessario comunicare al dermatologo la presenza di dermatite atopica, allergie, casi di seborrea o malattie fungine in passato o con parenti stretti. In caso di dermatite atopica durante la gravidanza, la condizione principale per il trattamento di successo è l'eliminazione dell'allergene, che è possibile solo con la diagnosi corretta. La dermatite seborroica può essere confusa con un aumento della produzione di forfora causato da cambiamenti ormonali, ma richiede una terapia antifungina.

    Di norma, tale dermatite non influisce negativamente sul feto e sulla salute generale della madre.

    trattamento

    La dermatite atopica e le eruzioni polimorfiche non comportano alcun rischio per il feto. Di solito scompaiono poco dopo il parto. Il trattamento della dermatite atopica in donne in gravidanza è, soprattutto, l'uso di emollienti e corticosteroidi locali moderatamente forti in combinazione con antistaminici orali. Nei casi gravi di dermatosi polimorfica, possono essere usati steroidi sistemici.

    I pazienti con pemfigoide gestazionale e colestasi richiedono un trattamento speciale. Un lieve prurito può essere trattato con antistaminici orali, ma i pazienti con casi più gravi richiedono l'uso di corticosteroidi sistemici, nonché alte dosi di immunoglobuline per via endovenosa.

    Secondo la classificazione FDA, i farmaci sono divisi in sei gruppi, da X (uso durante la gravidanza è controindicato) ad A (nessun rischio), c'è anche un altro gruppo con rischio inesplorato. Alcuni tipi di farmaci usati nel trattamento delle lesioni cutanee hanno un effetto teratogeno (gruppo X):

    • metotrexato (violazioni della formazione di arti e malformazioni del sistema nervoso centrale),
    • farmaci anti-infiammatori non steroidei (restringimento del dotto arterioso);
    • retinoidi sistemici (disturbi del SNC, difetti craniofacciali e cardiovascolari).

    I corticosteroidi sistemici sono classificati come gruppo C dalla FDA - non sono stati condotti studi ufficiali sull'uomo, il rischio non è escluso. In alcuni casi, dopo aver ricevuto la madre, sono stati osservati insufficienza placentare e aborto spontaneo. I corticosteroidi topici non rappresentano un serio rischio per il feto.

    • emollienti ed emollienti, steroidi topici, terapia con UVB sono sicuri;
    • relativamente sicuro (usato con cautela nei casi estremi) - steroidi locali altamente attivi, steroidi orali (nel terzo trimestre), ciclosporina, inibitori locali della calcineurina (in piccole quantità);
    • È necessario evitare l'assunzione di metotrexato e il trattamento della terapia PUVA.

    Tra i farmaci antimicotici e antisettici usati in dermatologia, le sicure sono:

    • acido azelaico (agente antibatterico, antinfiammatorio, cheratolitico);
    • ciclopirox, nistatina, terbinafina (agenti antifungini);
    • clindamicina, eritromicina, metronidazolo, mupirocina (composti antibatterici);
    • permetrina (agente antiparassitario).

    Tutti loro sono classificati come gruppo B dalla FDA. Anche il perossido di benzoile, la bacitracina e l'idrochinone sono usati, sebbene appartengano al gruppo C.

    Affinché il medico possa diagnosticare correttamente la dermatite in una donna incinta, è importante studiare i dettagli dello sviluppo della malattia, chiarire la storia familiare e la presenza di malattie della pelle in passato. Quando si prescrive il farmaco, è necessario rendersi conto che alcuni farmaci comportano un potenziale rischio per la madre e il feto o hanno un effetto teratogeno, pertanto in questo periodo possono essere applicati pochissimi trattamenti.

    Dermatiti nelle future mamme: cosa è importante sapere su di lui

    Una donna che vuole diventare madre, vuole rallegrarsi in ogni momento, ma a volte ci sono circostanze spiacevoli che la impediscono. Esiste il rischio di una varietà di malattie, la più comune delle quali è la dermatite durante la gravidanza. Dà a una donna molti problemi e disagi.

    Per far fronte a questa malattia e non fare del male a te stesso o al tuo bambino, devi capire questa situazione.

    Che cosa è una malattia nelle future mamme

    La dermatite è spesso chiamata problemi minori della pelle. Ci sono molti casi in cui questa patologia richiede un trattamento complesso ea lungo termine. Uno dei motivi principali per la formazione della dermatite sono i cambiamenti ormonali, perché il corpo di una donna incinta è ipersaturalizzato con molti ormoni che sono necessari per il trasporto sicuro del bambino. Inoltre, l'immunità della futura madre è spesso ridotta, che è l'impulso per la formazione di vari disturbi.

    La complessità della dermatite durante la gravidanza è che ha diverse forme:

    1. Allergiche. È principalmente ereditario. Pertanto, se la madre ha questa malattia, è probabile che il bambino la erediti. Durante il periodo di malattia, una donna può vedere eruzioni rosse sul suo corpo, che costantemente prurito e si staccano.
    2. Eritrema tossico. La patologia appare circa alla 28a settimana. C'è un'eruzione cutanea sullo stomaco, che ha la forma di una placca e prude regolarmente. La ragione di questa condizione: un rapido aumento di peso durante la gestazione.
    3. Periorale. Piccola eruzione di colore rosso o rosa, principalmente sulla pelle del viso. La ragazza ha il costante desiderio di grattarli.
    4. Smagliature
    5. Papilloma. Eruzioni cutanee di color carne in gran numero che si osservano sul collo o sotto le ascelle.
    6. Prurito comune
    7. Herpes. Nonostante il fatto che molti considerano questa una malattia legata solo alle labbra, colpisce anche gli organi genitali interni, ci sono piccole bolle con liquido.
    8. Prurigo. Le eruzioni appaiono su tutto il corpo e costantemente prurito.
    9. Psoriasi. Neoplasie a placche sulla pelle, si verificano dopo aver sperimentato lo stress.
    10. Eczema. Bolle con liquido che esce molto facilmente. Basta premere un po '.
    11. Orticaria. Le vesciche appaiono sul corpo che prude male.
    12. Iperpigmentazione.

    Cause e fattori di dermatite

    Aumenta il livello di estrogeni, prolattina e progesterone nel corpo della futura mamma. Inoltre, ci sono un certo numero di cambiamenti nel lavoro degli organi: il metabolismo cambia, i salti della pressione sanguigna, l'appetito aumenta (o esattamente l'opposto), il cuore batte più velocemente, ci sono alcuni cambiamenti nella circolazione sanguigna. Tutto ciò è necessario affinché una donna incinta possa proteggere se stessa e il suo futuro bambino dall'influenza dell'ambiente. Ma la sua pelle diventa più suscettibile a vari cambiamenti che sono patologici.

    La maggior parte di questi cambiamenti sono la reazione del corpo femminile a un gran numero di ormoni. Spesso si notano cambiamenti nei vasi, la cui causa è un elevato contenuto di estrogeni. Durante una posizione interessante, il lavoro delle ghiandole endocrine aumenta, causando molta sudorazione. Questo può provocare calore pungente o eczema.

    Di solito una donna si lamenta di prurito per circa tre mesi. Ma questa potrebbe essere una violazione della circolazione della bile. La patologia passa in modo indipendente dopo la nascita del bambino.

    Dermatite durante il trattamento della gravidanza

    Come trattare la dermatite durante la gravidanza. Cause di occorrenza prevenzione

    Durante la gravidanza, il corpo sta vivendo una ristrutturazione globale, che può provocare una esacerbazione di malattie croniche, di cui la futura mamma non sospettava nemmeno. Per la prima volta nella loro vita, la maggior parte delle donne sperimenta una grave malattia della pelle, come la dermatite nelle donne in gravidanza.

    Cause di dermatite durante la gravidanza

    Spesso, la dermatite durante la gravidanza si sviluppa a causa di cambiamenti ormonali. Non sorprende che in questo momento una donna diventa più sensibile a determinati prodotti, il cui utilizzo può causare una reazione allergica.

    Inoltre, la dermatite può verificarsi per motivi come:

    • esposizione agli allergeni;
    • confronto delle cellule della madre e del bambino;
    • uso di unguenti steroidei;
    • la presenza di malattie del tratto gastrointestinale;
    • predisposizione genetica;
    • impatto negativo di fattori esterni (raggi ultravioletti, vento, gelo).

    Le donne che già affrontano malattie dermatologiche prima sono ad alto rischio. In questi casi, la probabilità di recidiva è elevata, quindi è necessario cercare di impedire la ripresa della malattia.

    Tipi di dermatiti durante la gravidanza

    La dermatite durante la gravidanza può manifestarsi in vari modi. Il metodo di trattamento può essere scelto solo esaminando i sintomi e determinando il tipo di dermatite.

    Dermatite atopica

    Questa specie ha un'origine allergica. Questa malattia è ereditata dalla madre, quindi se una donna si trova ad affrontare un problema durante la gravidanza, molto probabilmente il bambino erediterà la malattia subito dopo la nascita o in un'età più matura.

    I sintomi della dermatite allergica si manifestano sotto forma di prurito, desquamazione, eruzioni cutanee e infiammazione di alcune aree della pelle. Il decorso della malattia può essere lieve, moderato e grave.

    Quando la dermatite atopica viene diagnosticata in donne in gravidanza, il trattamento deve essere iniziato il più presto possibile. Nella fase facile, è sufficiente eliminare potenziali allergeni dalla dieta. Con la forma media della malattia, gli specialisti prescrivono un ciclo di assorbenti e probiotici per purificare il corpo. Nella sua forma avanzata, la malattia viene trattata con antistaminici.

    Dermatosi polimorfica

    Molto spesso, questa forma della malattia è osservata nelle donne in gravidanza nel terzo trimestre a causa della crescita attiva del feto. Sulla superficie dell'addome compaiono placche specifiche che causano disagio.

    La malattia non influisce sulla salute del bambino e scompare quasi immediatamente dopo la nascita. Come trattamento, al paziente viene prescritto un ciclo di farmaci antiallergici, nonché creme di corticosteroidi.

    Dermatite periorale

    Questo tipo di dermatite durante la gravidanza è caratterizzata da piccole formazioni acquose sulla pelle e dall'aspetto del prurito.

    Una cura completa per la malattia nel primo e nel terzo trimestre è impossibile, perché l'uso di antibiotici durante il trasporto del bambino è estremamente indesiderabile. Solo nel secondo trimestre, il medico può prescrivere un corso di leggeri farmaci antibatterici per alleviare le condizioni del paziente.

    Come trattare la dermatite durante la gravidanza. prevenzione

    Più spesso, il motivo principale per contattare il medico di una donna incinta è il prurito, desquamazione o irritazione sulla superficie della pelle.

    In questo caso, un dermatologo sotto la stretta supervisione di un ginecologo può prescrivere un corso di trattamento:

    1. Antistaminici e sedativi per eliminare i sintomi e ripristinare il normale stato psico-emotivo.
    2. Preparazioni topiche per alleviare il prurito e l'infiammazione.

    Inoltre, quando viene rilevata la dermatite durante la gravidanza, il trattamento è accompagnato da una dieta rigorosa. Grassi, cibi fritti, dolci sono esclusi dalla dieta della donna.

    La terapia farmacologica può essere combinata con rimedi popolari:

    • comprime con decozione di corteccia di quercia;
    • comprime con decotto di rosa canina;
    • lozione con succo di Kalanchoe;
    • condimenti con foglie di cavolo;
    • lozioni e impacchi con brodo di patate;
    • gadget con linfa di betulla.

    Naturalmente, la medicina tradizionale non può sostituire completamente il tradizionale, ma è completamente sicuro per la salute della madre e del futuro bambino.

    È importante per qualsiasi madre sapere che lo stress può essere un fattore serio per la comparsa di eruzioni cutanee. Ecco perché durante la dermatite durante la gravidanza e il trattamento è necessario mantenere uno stato mentale normale. Ciò avvantaggerà non solo la madre, ma anche il bambino.

    Per la prevenzione delle malattie dermatologiche, una donna durante il periodo di trasporto di un bambino dovrebbe abbandonare i prodotti allergenici, condurre uno stile di vita sano e stabilire il regime corretto della giornata. Poiché le smagliature sono un tipo di malattie dermatologiche, per mantenere l'elasticità della pelle dell'addome e del torace devono essere utilizzate creme ipoallergeniche speciali.

    Registra la navigazione

    Dermatite atopica durante la gravidanza

    La dermatite atopica è considerata una delle più comuni malattie della pelle. Secondo le statistiche, il più delle volte questa malattia colpisce le donne. Inoltre, la dermatite atopica viene trasmessa per via ereditaria da madre a figlio. Se entrambi i genitori sono atopici, il rischio di avere una tale malattia in un bambino aumenta più volte.

    Durante il periodo di gravidanza nel corpo della futura madre, si verificano numerosi riarrangiamenti significativi. Sfortunatamente, a volte tali cambiamenti possono portare alla comparsa di varie patologie. Una delle conseguenze di tale è la dermatite atopica. Questa malattia allergica può "dormire" nel corpo per anni e "svegliarsi" nel momento più felice della vita di ogni donna - durante la gravidanza.

    Cause della dermatite atopica

    La dermatite atopica viene diagnosticata non solo nelle donne in gravidanza, questa malattia si verifica in persone di diverse età e sessi in quasi tutti i paesi del mondo. Recentemente, il numero di atopici aumenta drammaticamente.

    I medici attribuiscono questa vasta distribuzione della dermatite atopica a varie cause: l'inquinamento ambientale, la qualità del cibo che usiamo e lo stress psico-emotivo. Allergeni, i catalizzatori possono essere piante da fiore, prodotti sintetici o di lana, animali domestici, profumi, cosmetici. Inoltre, le madri moderne stanno riducendo sempre più i tempi dell'allattamento e molto presto passano alle formule artificiali. Spesso la malattia è provocata dalla tossiemia durante la gravidanza e da errori nutrizionali materni. Varie infezioni virali, batteriche e fungine e lo stress possono causare una esacerbazione della malattia. La causa della dermatite atopica può anche essere una brusca caduta di temperatura, umidità dell'aria o un'esposizione insufficiente alla radiazione solare.

    Come dimostrato da studi recenti, nel 90% dei casi la dermatite atopica viene diagnosticata durante i primi cinque anni di vita. Nel 60% di essi, la malattia inizia nel primo anno di vita, più spesso - immediatamente dopo la nascita del bambino. Secondo i medici, circa il 50% delle donne che soffrono di dermatite atopica, durante la gravidanza è esacerbato.

    Perché, allora, la dermatite atopica non si manifesta da anni e si "sveglia" durante la gravidanza? Questo fenomeno è facilmente spiegato dal fatto che nel corpo di una donna incinta in grandi quantità produce un ormone speciale - "cortisolo". Svolge un ruolo importante nel processo di formazione del feto ed è responsabile dello sviluppo delle reazioni allergiche. Dopo che il bambino è nato, il livello di cortisolo nel sangue scende rapidamente, il bambino può facilmente rilevare qualsiasi malattia allergica, tra cui la dermatite atopica.

    Se una donna ha avuto in precedenza dermatite atopica, allora dovrebbe essere preparata con particolare attenzione per la gravidanza. Dopotutto, non è noto come si comporterà la malattia in futuro e se suo figlio non erediterà. Più seriamente la futura mamma reagirà a questo problema, la precedente terapia preventiva inizierà ancora prima del concepimento, maggiori sono le possibilità che lei debba dare alla luce un bambino assolutamente sano.

    Quindi, se sai della tua tendenza alla dermatite atopica, prima di tutto, consulta il tuo ginecologo e consulta un allergologo. Anche se tu o il padre del bambino non siete mai stati atopici, non vi è alcuna garanzia che il bambino non riceverà questa malattia dal parente più prossimo.

    I sintomi della dermatite atopica durante la gravidanza

    La dermatite atopica è solitamente abbastanza facile da riconoscere. Una donna incinta ha prurito ai gomiti, alle ginocchia, all'addome, al collo e al torace. I medici distinguono tre fasi dello sviluppo di questa malattia durante la gravidanza:

    • forma leggera. La donna incinta ha i seguenti sintomi:
    1. lieve eruzione cutanea sui gomiti, sotto le ginocchia, sul collo;
    2. gonfiore;
    3. colore della pelle bianco-rosa, umidità normale, senza desquamazione;
    4. il prurito della pelle si verifica periodicamente, spesso la sera.
    • forma media. Questa è la seconda fase della dermatite atopica, che è accompagnata dai seguenti sintomi:
    1. aumenta il prurito della pelle;
    2. l'eruzione si diffonde alla faccia, alla schiena, al torace, all'addome, alle cosce interne;
    3. l'iperpigmentazione delle palpebre è possibile: la pelle intorno agli occhi acquista una tonalità più scura.
    • forma grave. La fase più pericolosa della dermatite atopica. Si verifica in quelle donne che in precedenza hanno sofferto di questa malattia per molto tempo. sintomi:
    1. forte prurito che può portare a guasti nervosi e disturbi del sonno;
    2. macchie rosse e papule (noduli) si osservano sulla pelle;
    3. scaglie di pelle e sembra gonfio;
    4. erosione o pustole compaiono sulla pelle.

    Forma severa si verifica spesso nel primo e nel terzo trimestre, che sono considerati periodi critici di gravidanza per le donne atopiche. È in questo momento che si verifica l'esacerbazione della malattia. La dermatite si diffonde in tutto il corpo, una donna sperimenta forti pruriti, specialmente di notte. Pertanto, non riesce a dormire, soffrendo di insonnia e stress.

    Trattamento della dermatite atopica

    È chiaro che la futura mamma, che ha una tendenza alla dermatite atopica, deve sottoporsi a una terapia preventiva preventiva prima di concepire un bambino. La sua donna è prescritta e controllata solo dal medico curante. Se, comunque, la dermatite atopica si manifesta durante la gravidanza, dovresti capire: la maggior parte dei farmaci che un medico prescrive per una donna atopica che non è incinta non deve essere usata durante la gravidanza, altrimenti questi farmaci possono influire negativamente sulla salute non solo delle donne, ma anche sul futuro bambino.

    Alla fase lieve dermatite atopica con l'uso di agenti esterni.

    Una donna incinta deve seguire alcune regole di base che aiuteranno a ridurre l'intensità della manifestazione della malattia:

    1. prima di tutto, dovresti escludere il contatto con l'allergene, se noto;
    2. due volte al giorno eseguono una pulizia a umido della casa, arieggiando costantemente la stanza;
    3. rimuovere tutte le piante d'appartamento dalla casa, se sono in fiore al momento;
    4. Cerca di non ingombrare la tua casa con tappeti e mobili imbottiti. Nessuna peluria, nessuna piuma, solo riempitivo sintetico: questo dovrebbe essere il tuo motto quando scegli la biancheria da letto.
    5. limitare l'uso di cosmetici e profumi, prodotti chimici domestici;
  • organizzare un sonno completo e riposare, abbandonare cattive abitudini. Le donne in gravidanza dovrebbero capire che il fumo attivo e passivo può anche causare dermatite atopica. La nicotina influenza lo sviluppo del feto, provoca stress e reazioni allergiche in un bambino;
  • Per ridurre l'intensità del prurito, fai una doccia a contrasto e usa creme appositamente progettate, che includono sostanze ipoallergeniche. Dopo la doccia, non strofinare la pelle con un asciugamano, basta asciugarla;
  • indossare abiti realizzati con tessuti naturali. Niente lana, nylon o poliestere! Aumentano solo il prurito della pelle;
  • limitare o eliminare completamente i prodotti allergenici dalla dieta. A volte, le future mamme "peccano" nella dieta, il codice fortemente "brucia": vuoi qualcosa di gustoso! Spesso è questo "appetitoso" e causa allergie. Sotto la supervisione di un medico, seguire una dieta ipoallergenica: preparare il cibo a bagnomaria, non mangiare piatti piccanti e salati, spezie, sottaceti e carni affumicate.
  • Se hai il primo stadio di dermatite atopica, escludi l'agnello, la carne di cavallo, i cetrioli, le zucchine, lo squash e le rape dal cibo. Cerca di non mangiare zucca, banane, ribes bianco, mele, prugne, angurie, uva spina e ciliegie.

    Nella fase intermedia della dermatite, dovrai dimenticarti di maiale, tacchino, patate, piselli, grano saraceno, riso. Inoltre, gli allergici non raccomandano di mangiare cavoli, peperoni verdi, mais, pesche, albicocche, mirtilli rossi, ribes rosso.

    Nella fase grave della malattia, abbandonare il latte vaccino, il pesce, i frutti di mare, il caviale, i funghi, il pollo, le uova, i pomodori e la senape. Escludere dal menu agrumi, miele, noci, lamponi e fragole, fragole e more, meloni e ananas, cachi, ribes nero, caffè, cacao e cioccolato.

    La dermatite atopica di gravità moderata durante la gravidanza viene curata in un ospedale a tempo pieno o 24 ore su 24. Anche il trattamento del terzo stadio viene effettuato stazionario, ma in modo complesso, con l'uso di droghe dentro e fuori.

    La futura madre atopica deve condurre uno stile di vita sano, evitare stress, prodotti allergenici ed essere ottimista: se segui alcune semplici regole, il tuo bambino nascerà sano!

    Soprattutto per beremennost.net Nadezhda Zaitseva

    Quali sono le dermatiti durante la gravidanza e come trattarle

    Durante la gravidanza, i compagni delle donne diventano spesso eruzioni cutanee, arrossamento e prurito. Questi sintomi possono indicare malattie gravi come:

    • dermatite delle donne in gravidanza: periorale, atopica e polimorfica,
    • gestosi di donne incinte
    • herpes,
    • psoriasi.

    Visita al medico e test di laboratorio aiuteranno a scoprire esattamente.

    La dermatite durante la gravidanza causa un'immunità indebolita della futura madre e un'alterazione ormonale del corpo.

    Dermatite atopica

    cause di

    La dermatite atopica (o allergica) è considerata la più comune durante la gravidanza. Questa malattia è ereditaria. La probabilità di dermatite atopica in una donna incinta aumenta se i suoi genitori soffrono di allergie.

    In questo caso, durante la pianificazione di una gravidanza, è necessario consultare il proprio medico per prendere le misure necessarie per prevenire l'esacerbazione della dermatite.

    Inoltre, dovresti sapere che la dermatite atopica viene trasmessa al bambino attraverso l'ereditarietà. L'insorgere della malattia in futuro nei bambini dipende direttamente dal fatto che la malattia si manifesti durante la nascita della madre o meno.

    La dermatite in gravidanza può divampare a causa dell'esposizione ad allergeni di varie eziologie. Può essere: piante da fiore, peli di animali, cosmetici e prodotti alimentari.

    I sintomi della dermatite atopica sono rappresentati principalmente da eruzioni cutanee nelle mani, collo, addome, schiena e gambe, con arrossamento e desquamazione della pelle. L'eruzione cutanea può essere accompagnata da prurito.

    Durante la gravidanza, la dermatite allergica può verificarsi in tre fasi.

    1. Lieve severità Sembra rash appena evidente sulla pelle e prurito. I sintomi sotto forma di eruzioni cutanee sono ben evidenziati nella foto. In questa fase della dermatite, si raccomanda di escludere il contatto con donne in stato di gravidanza con tutti i tipi di allergeni.
    2. Gravità media. In questa fase del decorso della dermatite atopica durante la gravidanza, un'eruzione cutanea appare non solo sul viso, ma anche sui fianchi e sulla schiena. Il prurito diventa sgradevole e forte. Trattare una gravidanza in questa fase della malattia in ospedale.
    3. Grave severità. In questa fase, una esacerbazione della malattia può verificarsi in qualsiasi momento. Il prurito causa disturbi neurologici. La dermatite allergica è esacerbata il più delle volte nel primo e nel terzo trimestre di gravidanza.

    La dermatite atopica viene trattata con una vasta gamma di misure.

    • Conformità con una dieta ipoallergenica.

    Il trattamento dietetico si basa sul fatto che è completamente escluso dalla dieta di una donna incinta:

    • dai latticini: yogurt, latte, cagliata vetrificata e massa della cagliata;
    • dai prodotti a base di carne: agnello, maiale, pesce, pollo e frutti di mare;
    • salse: maionese, ketchup e altre salse con conservanti;
    • vari tipi di condimenti;
    • salsiccia, prodotti affumicati, sottaceti e marinate;
    • di verdure: aglio, melanzane, barbabietole, crauti, funghi;
    • dai frutti: banane, mandarini e tutti i frutti insoliti;
    • da cereali: riso, semola;
    • miele, cioccolato, pasticceria;
    • di bevande: caffè e soda;
    • uova,
    • prodotti contenenti conservanti.

    Le basi nutrizionali per le donne incinte possono produrre i seguenti prodotti:

    • latte fermentato: kefir e yogurt, ricotta 5% e 9% di grassi, formaggio e burro;
    • cereali: grano saraceno, orzo perlato, farina d'avena, miglio;
    • dai prodotti a base di carne: coniglio, tacchino, manzo;
    • pane;
    • verdure (eccetto quelle sulla lista di divieto);
    • frutti: pere, prugne, mele;
    • bevande: tè nero e verde, succo di ribes rosso, mirtilli rossi e mirtilli rossi;
    • come condimento: aneto, prezzemolo e cipolla.

    La dieta rigorosamente è necessaria durante un periodo in cui la dermatite è acuta. Nella fase di remissione, è possibile includere gradualmente prodotti vietati, ma con molta attenzione in una piccola quantità.

    Come misura preventiva dell'inizio della malattia in un neonato, è necessario seguire rigorosamente la dieta e durante l'allattamento.

    Il trattamento prevede anche di bere almeno 1 litro di acqua pulita e 1 litro di altri liquidi al giorno.

    Durante l'esacerbazione della dermatite, alle donne incinte vengono prescritti assorbenti (ad esempio filtrum o pasta di enterosgel).

    Il trattamento con probiotici (ad esempio, Bifidumbacterin) è consigliato immediatamente dopo aver preso un ciclo di assorbenti.

    • Ricezione di farmaci antiallergici.

    Con la manifestazione di pericolose complicanze allergiche - difficoltà a respirare e deglutire, il trattamento consiste nel prendere farmaci antiallergici (ad esempio, claritina, tavegil o suprastin). Se si verificano questi segni di complicazioni di allergia, è necessario chiamare un'ambulanza!

    Dermatosi polimorfica

    cause di

    Alcune donne lamentano prurito della pelle nell'addome nel terzo trimestre di gravidanza. Questo è un eritema tossico (o dermatosi polimorfica). Questa malattia è caratteristica delle donne con la prima gravidanza e si sviluppa a seguito di un aumento del peso fetale. Ma la causa principale della dermatite polimorfica è un periodo di temporanea opposizione alle cellule fetali dell'organismo materno o dell'organismo materno al feto.

    Si manifesta rash dermatosi polimorfici, che sono simili a placche e prurito costante. Rash in casi rari può verificarsi in donne in gravidanza sulle braccia e sulle gambe. Questo tipo di dermatosi non rappresenta un pericolo per la salute della futura madre e del feto e passa dopo il parto.

    In caso di dermatosi polimorfica, il trattamento consiste nella prescrizione di sedativi (ad esempio, motherwort) e farmaci per l'allergia. Unguenti antiprurito, corticosteroide e creme contenenti collagene sono usati per alleviare il prurito nelle donne in gravidanza.

    Dermatite periorale

    cause di

    Spesso durante la gravidanza, le eruzioni cutanee possono apparire sotto forma di piccoli brufoli nell'area delle labbra con una transizione verso le guance e gli occhi. Questa dermatite è chiamata periorale.

    La ragione per cui può verificarsi la dermatite periorale è difficile da determinare. La dermatite periorale può derivare dai seguenti fattori:

    1. uso di unguenti steroidei (ad esempio, idrocortisone, prednisone);
    2. uso di determinati cosmetici;
    3. uso di dentifricio al fluoro;
    4. contraccettivi orali;
    5. malattie del tratto gastrointestinale;
    6. fattore ormonale;
    7. fattori meteorologici (vento forte, raggi ultravioletti).

    La dermatite perioreale non è pericolosa per la salute.

    I sintomi principali della dermatite periorale sono l'eruzione del brufolo sul viso di una donna incinta nelle labbra, sul mento, sulle guance e sotto il naso, a volte interessando le aree intorno agli occhi e sull'area temporale.

    I brufoli sono piccoli, acquosi e hanno un colore rosa o rosso. L'eruzione cutanea è accompagnata da bruciore e prurito.

    Sezioni della pelle con eruzioni cutanee al tatto ruvida. Sopra aree infiammate, macchie di pigmento possono apparire nel tempo.

    La foto mostra chiaramente i sintomi della dermatite periorale: brufoli rossi sul viso vicino al naso e sul mento.

    Durante la gravidanza, la dermatite periorale non può essere completamente trattata, poiché si basa sull'uso di antibiotici che hanno un effetto dannoso sul feto. Nel primo trimestre, il trattamento non è prescritto. Dal secondo trimestre di gravidanza, devi prima visitare un dermatologo. Di solito, prescritto elokom, metragil e farmaci antibatterici.

    Spesso la malattia scompare dopo la nascita del bambino.

    Durante la gravidanza, vale la pena ascoltare più attentamente il proprio corpo - prima si notano i sintomi della dermatite, più sarà facile per il trattamento e il trattamento.

    L'articolo è presentato solo a scopo informativo. Il trattamento con prescrizione deve essere effettuato solo da un medico!

    Un'Altra Pubblicazione Sulle Allergie

    Quanti giorni dura la varicella in un bambino?

    Sfortunatamente, la varicella sta incidendo sempre più sull'immunità di un bambino. Ha febbre, eruzione cutanea e prurito fastidioso, il bambino diventa capriccioso.


    Come rimuovere l'acne dal viso a casa

    Ogni persona, indipendentemente dall'età e dal sesso, può sperimentare macchie rosse e brufoli sulla fronte, sulle guance, sul viso e persino sui glutei. La reazione più comune alla comparsa di punti rossi è il desiderio di rimuoverli, raccoglierli il più rapidamente possibile.


    Farmaci antivirali per l'herpes

    Questa malattia virale può manifestarsi in tutti. L'herpes non si fa sentire fino a quando una persona ha una buona immunità. Se le difese sono ridotte, il virus si attiva e inizia a causare molti problemi: un'eruzione cutanea, prurito, bruciore, dolore.


    Zoster rosa nelle donne in gravidanza: cause e trattamento

    Durante la gravidanza, il corpo di molte donne è indebolito, diventa suscettibile a varie infezioni e malattie. Durante questo periodo, è importante monitorare attentamente le condizioni, assumere varie vitamine per rafforzare il sistema immunitario.